Il fantasma dei fatti

Titolo: Il fantasma dei fatti

Autore: Bruno Arpaia

Editore: Guanda

Anno di pubblicazione: 2020


SINOSSI

Vi hanno mandato loro? chiede Tom il Greco ai due sconosciuti che bussano alla porta della sua casa di vacanza in Québec. “Loro” sono gli uomini della Cia, l’Agenzia che Thomas Karamessines, detto il Greco, ha servito per tutta la vita. C’era proprio lui, infatti, a capo della stazione di Roma quando, tra il 1961 e il 1963, con la morte di Mario Tchou, l’attentato a Enrico Mattei, le incriminazioni e le condanne di Felice Ippolito e di Domenico Marotta, l’Italia perdeva di colpo ogni competitività in campo scientifico, politico ed energetico, avviandosi verso il declino attuale. Una semplice coincidenza? O dietro quel punto di svolta così drammatico per il nostro paese si nascondeva la longa manus della Cia e di Tom il Greco? Dopo l’Italia, una lunga carriera avrebbe portato Karamessines a giocare un ruolo anche nei misteri più bui della politica internazionale, dall’assassinio di Kennedy alla cattura di Che Guevara e al golpe in Cile. Ci sono, però, intrighi e segreti di stato che nemmeno gli uomini più scaltri riescono a tenere sotto controllo. Segreti che, in ore estreme, quando quei due sconosciuti bussano alla sua porta, non ha più senso nascondere. A partire da questa figura sfuggente, l’ossessione di un protagonista che ha lo stesso nome dell’autore si trasforma in una lunga indagine, e in un romanzo che intreccia i “fatti” con le zone oscure degli eventi, illuminate dall’immaginazione. Perché, come sostiene Sciascia, non sono tanto i fatti quanto “i fantasmi dei fatti” a costituire la vera materia della letteratura.


RECENSIONE

Le uniche storie che vale la pena di raccontare sono quelle che non possono essere raccontate.

È questo che dice a Bruno Arpaia l’amico Pietro Greco, quando, al Caffè Gambrinus, lo incoraggia a scrivere il romanzo sui fatti di cronaca che hanno segnato la storia italiana dei primi anni Sessanta, decretando di fatto l’arrestarsi della ricerca in ambito tecnologico ed energetico del nostro Paese.

Parliamo della morte misteriosa di Mario Tchou, ingegnere e collaboratore di Adriano Olivetti, e di quella di Enrico Mattei, fondatore di ENI; parliamo dei clamorosi arresti di Felice Ippolito e Domenico Marotta, rispettivamente Segretario generale del Comitato Nazionale per l’Energia Nucleare e direttore dell’Istituto Superiore di Sanità.

In bilico tra l’inchiesta giornalistica e la spy story, aggiungendo pure qualche sfumatura autobiografica, Arpaia dà alla luce un bellissimo metaromanzo, in cui il piano della narrazione si sovrappone al racconto del mestiere dello scrittore, che a quella storia sta lavorando.

Il fantasma dei fatti si sviluppa su due piani temporali. Da un lato, c’è il presente, dove Arpaia cerca faticosamente di documentarsi, alternando l’ossessione che ha di trovare il bandolo della matassa alla tentazione di desistere nell’impresa. Dall’altro, c’è la storia di Thomas Karamessines, capo della stazione C.I.A. a Roma tra il 1959 e il 1963, di cui l’autore ripercorre l’ultimo giorno di vita nella sua casa di Lac Grand, in Québec.

È in quel fatidico 3 settembre del 1978, interrogato da due agenti della CIA che vogliono convincerlo a non testimoniare contro l’agenzia, che Karamessines rivela il suo coinvolgimento e quello dei servizi segreti in questioni delicatissime, che hanno influenzato gli equilibri politici, economici e tecnologici del mondo intero.

Difficile capire dove finisce l’immaginazione e dove comincia la realtà. Vero è che Il fantasma dei fatti è un romanzo avvincente, carico di suspense e di mistero, in cui pochi interrogativi riescono a trovare risposta e quasi nulla è come sembra.


L’AUTORE

Giornalista, consulente editoriale e traduttore di letteratura spagnola e latinoamericana, Bruno Arpaia ha pubblicato, tra gli altri, i romanzi I forestieri, Il futuro in punta di piedi, Tempo perso (Premio Hammett Italia 1997), L’angelo della storia (Premio selezione Campiello 2001, Premio Alassio Centolibri – Un autore per l’Europa 2001), Il passato davanti a noi (Premio Napoli e Premio Letterario Giovanni Comisso 2006), Per una sinistra reazionaria, questi ultimi usciti per Guanda. Per lo stesso editore è uscita anche una conversazione con Luis Sepúlveda, Raccontare, resisterePer una sinistra reazionaria è del 2007, e del 2010 è Il futuro in punta di piedi.

Nel 2011 pubblica un romanzo a carattere scientifico intitolato L’energia del vuoto, grazie al quale entra a far parte della cinquina di finalisti dell’edizione del Premio Strega dello stesso anno. Nel 2014 esce per Guanda il giallo Prima della battaglia. Un’indagine del commissario Malinconico, nel 2016 Qualcosa, là fuori e nel 2020 Il fantasma dei fatti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: